Kunkou Schale - Nikke Taino

Mmm mi aspettavo uno smut dalla copertina invece è una storia piuttosto casta e tenerella, il che mi ha spiazzato. 
Troviamo Takashima, il quale è sensibile alla maggior parte degli odori (solidarietà! Sono rompiscatole uguale quando si tratta di queste cose) che "sniffando" il suo compagno di laboratorio Ariji (W i nomi impronunciabili!) rimane affascinato dal suo odore (cosa poco inquietante mi dicono dalla regia...) e si propone di aiutarlo con i suoi esperimenti. Ariji che è il personaggio "traumatizzato" della storia decide di accettare il suo aiuto ma in cambio, non volendo avere alcun debito nei suoi confronti, si offre di farsi sniffare da lui come ringraziamento. E da lì... meh... i due si conoscono, scopriamo il solito personaggio traumatizzato dalla vita e bullizzato, al quale hanno rubato pure la ricerca in passato e quindi super spaventato da chiunque, che non vuole debiti o dipendere da nessuno e il protagonista maniaco che nonostante gli evidenti problemi mentali ovviamente è supportivo, desideroso di aiutarlo, dolce come una caramella mou e bla bla bla... come storia... mi è piaciuta fino a un certo punto. Non c'è un vero obiettivo o fine... se non il vedere quando i due si accoppieranno sul primo tavolo. Ci sono molte parte lasciate al caso, momenti che potevano essere diversi, una componente smut che quasi manca e in questo caso... è un problema, non puoi spiaccicare uno mezzo nudo in copertina e pretendere che la fujoshi di turno mantenga la calma senza la presenza di un pene! Battute a parte... nonostante lo stile della mangaka sia incredibile, con disegni eccezionali e curatissimi, tra i miei preferiti, tutto si perde un po', il voto è 3-3,5 stelline se consideriamo lo stile dell'artista ma nulla di più. Una storia che non mi ha lasciato nulla e che... non mi sento di consigliare particolarmente a nessuno, non essendo neanche stata tradotta da alcun gruppo in italiano e quindi leggibile sono in inglese.